Attuazione misure PNRR

Attuazione misure PNRR

In questa sezione verranno pubblicati gli atti normativi adottati e gli atti amministrativi emanati per l’attuazione delle misure di competenza

Attuazione misure PNRR – M5. Inclusione e Coesione

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è lo strumento che traccia gli obiettivi, le riforme e gli investimenti che l’Italia intende realizzare grazie all’utilizzo dei fondi europei di Next Generation EU, per attenuare l’impatto economico e sociale della pandemia e rendere l’Italia un paese più equo, verde e inclusivo, con un’economia più competitiva, dinamica e innovativa.
Un insieme di azioni e interventi disegnati per superare l’impatto economico e sociale della pandemia e costruire un’Italia nuova, dotandola degli strumenti necessari per affrontare le sfide ambientali, tecnologiche e sociali di oggi e di domani.

Il PNRR annovera tre priorità trasversali condivise a livello europeo (digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale) e si sviluppa lungo 16 componenti, raggruppate in sei missioni:

  • M1. Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo
  • M2. Rivoluzione verde e transizione ecologica
  • M3. Infrastrutture per una mobilità sostenibile
  • M4. Istruzione e ricerca
  • M5. Inclusione e coesione
  • M6. Salute

Le linee guida emanate dalla Commissione Europea per l’elaborazione dei PNRR, identificano le componenti come gli ambiti in cui aggregare progetti di investimento e riforma dei piani stessi. Ciascuna componente riflette riforme e priorità di investimento in un determinato settore o area di intervento, ovvero attività e temi correlati, finalizzati ad affrontare sfide specifiche e che formino un pacchetto coerente di misure complementari. Le componenti hanno un grado di dettaglio sufficiente ad evidenziare le interconnessioni tra le diverse misure in esse proposte.

  • Decreto-legge 31 maggio 2021, n. 77 “Governance del Piano nazionale di rilancio e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”.
  • Legge 29 luglio 2021, n. 108 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2021, n. 77, recante governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”.
  • Circolare del 10 febbraio 2022, n. 9 “Istruzioni tecniche per la redazione dei sistemi di gestione e controllo”.

__________________________________________________________________________________________

P.N.R.R. 1.1.1

Missione 5 Componente 2 Sottocomponente 1- Investimento 1.1 -Sub-investimento 1.1.1 – Sostegno alle capacità genitoriali e prevenzione della vulnerabilità delle famiglie e dei bambini – Programma P.I.P.P.I.

Finalità progetto:

Attuazione nel triennio del LEPS relativo a “rispondere al bisogno di ogni bambino di crescere in un’ambiente stabile, sicuro, protettivo e “nutriente” contrastando attivamente l’insorgere di situazioni che favoriscono le diseguaglianze sociali, la dispersione scolastica, le separazioni inappropriate dei bambini dalla famiglia di origine, tramite l’individuazione di idonee azioni di carattere preventivo, che hanno come finalità l’accompagnamento non del solo bambino, ma dell’intero nucleo familiare in situazione di vulnerabilità, in quanto consentono l’esercizio di una genitorialità positiva e responsabile e la costruzione di una risposta sociale ai bisogni evolutivi dei bambini nel loro insieme”.

Previsti:

  • protocollo operati con ASL
  • protocollo con le scuole
  • formazione
  • tavoli di concertazione
  • patti di comunità

Obiettivi e attività:

  • Potenziamento e consolidamento dispositivi di educativa domiciliare;
  • Potenziamento della partecipazione delle famiglie al fine di renderle protagoniste del percorso di crescita verso l’autonomia;
  • Potenziamento della rete della comunità territoriale

 

Linea PNRR Voci costo Totale
1.1.1 Appalti di servizio e forniture

Personale

€ 180.756,00
1.1.1 Manutenzione straordinaria € 10.744,00
1.1.1 Acquisto beni € 20.000,00

Risultati attesi:

  • 30 famiglie: 10 per ogni implementazione

Importo richiesto € 211.500,00


P.N.R.R. 1.1.2

Missione 5 Componente 2 Sottocomponente 1- Investimento 1.1 Sub investimento 1.1.2 – Azioni per una vita autonoma e deistituzionalizzazione per gli anziani

Finalità progetto:

Mettere l’anziano al centro di una filiera di servizi, istituzionali e di prossimità, con l’obiettivo non solo di semplificare l’accesso e la fruizione delle prestazioni sociosanitarie, ma di integrarle in collaborazione con le reti del terzo settore, creando strutture di comunità che operano una presa in carico di 360°. Prevenire l’istituzionalizzazione, favorendo dove possibile anche la deistituzionalizzazione. Incrementare lo sviluppo di quel “livello intermedio” che consente agli anziani, con grado di autosufficienza lieve o media, pari dignità nell’accesso delle prestazioni.

Raccordo con i progetti del PNRR Missione 6 “Salute” e raccordo con PNRR 1.1.3

Obiettivi e attività:

  • Strutturare un sistema capace di integrare servizi professionali o di prossimità attraverso condivisione delle risorse e personalizzazione degli interventi;
  • Favorire l’invecchiamento nel proprio domicilio;
  • Trovare un contesto abitativo diverso dalla “casa di ricovero”. In tale ottica si prevede un doppio binario:

 

  • Progetti diffusi in appartamenti singoli (di proprietà pubblica o privata)

A1)      fornire all’anziano uno spazio abitativo privato adeguato ed implementato da tecnologie ambientali ed individuali. (Dispositivi individualizzati per la rilevazione di posizione e parametri vitali, sensori, telesoccorso, totem per teleassistenza…)

A2)      implementare i servizi di assistenza domiciliare (prevalentemente o.s.s.)

  • Gruppi di appartamento non integrati in una struttura residenziale

B1)      trasformare immobili di proprietà pubblica, attraverso investimenti strutturali, in gruppi di appartamento autonomi che garantiscano sicurezza e qualità di vita quotidiana dell’anziano e dotarli della tecnologia necessaria al conseguimento di tale obiettivo. Creare 2 gruppi appartamento prevedendo ristrutturazione interne degli spazi, abbattimento barriere architettoniche, adeguamento impiantistico, allestimento spazi domestici e spazi comuni, riqualificazione energetica e tecnologica, domotizzazione alloggi, totem teleassistenza, ausili e tecnologie di monitoraggio individuale).

B2)      implementazione dell’attività B1 attraverso servizi alla persona, servizi accessori di supporto alla socialità e alla vita quotidiana, ausili tecnologici per la vita sicura.

Tutti gli utenti potranno beneficiare di implementazione del servizio di assistenza in associazione ad almeno un investimento tecnologico. Azione sinergica con ASL della Missione 5 e 6.

Risultati attesi:

  • 100 anziani non autosufficienti

(90 in alloggi singoli – Azione A e 10 nei gruppi appartamento – azione B)

Linea PNRR Voci costo Totale
1.1.2 Appalti di servizio e forniture

Personale

€ 704.330,00
1.1.2 Incarichi professionali ai tecnici € 150.000,00
1.1.2 Ristrutturazione € 1.166.770,00
1.1.2 Acquisto beni € 70.000,00
1.1.2 Dotazioni tecnologiche e canoni € 368.900,00

Importo richiesto € 2.460.000,00

___________________________________________________________________________________________

PNRR 1.1.3         

Missione 5 Componente 2 Sub investimento 1.1.3 – Rafforzamento dei servizi sociali domiciliari per garantire la dimissione anticipata assistita e prevenire l’ospedalizzazione

ATS CAPOFILA

4 ATS (Acqui -Tortona-Ovada-Novi Ligure) e 2 Distretti Sanitari AL: Ovada e Novi Ligure – Tortona

Direzione del conseguimento del LEPS “Dimissione protette” al fine di migliorare la qualità di vita dei beneficiari. Ridurre, attraverso il progetto, il divario tra il bisogno espresso e rilevato ed i servizi erogati, i quali andranno attivati con modalità diverse tra il contesto cittadino e quello rurale, dove si riscontrano dispersione territoriale e maggiore tenuta della rete familiare. Il progetto interverrà sul potenziamento, in ore ed implementazione di servizi, dell’assistenza domiciliare a favore degli anziani non autosufficienti e fragili, riservando una quota minima delle attività al supporto delle persone senza fissa dimora.

Obiettivi e attività:

  • Mantenimento dell’anziano fragile sul territorio di residenza (vicinanza con la rete parentale e amicale)
  • Promozione del rientro al proprio domicilio successivamente all’evento critico
  • Disincentivazione dell’inserimento definitivo o temporaneo dell’anziano in struttura offrendo servizi socio-sanitari adeguati al bisogno

Integrazione con azioni linea 1.1.2 (in specie dotazioni strumentali) e 1.3.1

Prevista tra le attività formazione specifica che porteranno ad una maggiore qualificazione del personale coinvolto e del lavoro di cura erogato

Risultati attesi nelle 4 ATS:

  • 120 beneficiari anziani
  • 5 senza fissa dimora

COMPETENZE ATS CAPOFILA

Linea PNRR Voci costo Totale
1.1.3 Appalti di servizio e forniture

Personale

€ 70.004,00
1.1.3 Appalti di servizio e forniture € 8.000,00
1.1.3 Formazione specifica € 18.000,00
1.1.3 Dotazioni tecnologiche e canoni € 3.997,85

 

Il restante importo è affidato alle ATS partner dei territori di Tortona, Novi Ligure e Ovada.

Importo complessivo richiesto € 330.000

_________________________________________________________________________________________

PNRR 1.2                       

Missione 5 Componente 2 Sottocomponente 1- Investimento 1.2 Percorsi di autonomia per persone con disabilità

 Il progetto mira ad intervenire per superare le residue forme di segregazione residenziali offerte alle persone con disabilità e rigenerare i servizi per l’inclusione sociale dei giovani adulti, attivando percorsi volti all’emancipazione del soggetto dal nucleo familiare. Si intende prevenire l’istituzionalizzazione e/o accelerare il processo di deistituzionalizzazione offrendo servizi e soluzioni abitative innovativi capaci di favorire elevati livelli di autonomia, emancipazione dal nucleo familiare di origine e opportunità di accesso nel mondo del lavoro, anche attraverso un’importante dotazione di tecnologie informatiche.

Il progetto vuole portare un importante cambio di paradigma superando il concetto di assistenza per arrivare ad un’educazione all’autonomia.

 

Obiettivi e attività:

Il progetto intende fornire risposte a persone con disabilità intellettiva, fisica e/o sensoriale.

Target giovani e adulti (20-50 anni) con la finalità di offrire una pianificazione sistemica in grado di organizzare in tempo la fase del “Dopo di noi”.

  • Progetto individualizzato: identificazione dei bisogni specifici in funzione degli obiettivi di autonomia individuali e gli strumenti progettuali da attivare.
  • Abitazione: realizzazione di 2 abitazioni destinati a 2 gruppi distinti di persone diversamente abili in un’ottica del co-abitare. Gli alloggi saranno adattati strutturalmente e tecnologicamente per 6 persone caduno.
  • Lavoro: sulla base delle specifiche competenze si andranno a costruire percorsi graduali di inserimento nel mondo del lavoro che possono prevedere PASS e/o tirocinio supportati da interventi educativi/o formativi e dall’adeguamento tecnologico finalizzato a garantire la possibilità di smart working

Risultati attesi:

Realizzare un modello di residenzialità indipendente. Costruzione di un modello di cohousing sociale.

  • 12 beneficiari
  • 216 quote mensili da €400 per P.A.S.S. e/o tirocini
Linea PNRR Voci costo Totale
1.2 Appalti di servizio e forniture

Personale

€ 193.600,00
1.2 Acquisto beni e attrezzature € 126.000,00
1.2 Incarichi professionali ai tecnici € 30.000,00
1.2 Riqualificazione immobili € 180.010,00
1.2 Convenzioni ETS € 27.000,00
1.2 Dotazioni tecnologiche e canoni € 71.989,00
1.2 Indennità per tirocini e percorsi di attivazione sociale € 86.400,00

 Importo richiesto € 714.999,00

_______________________________________________________________________________________

PNRR 1.3.1                    HOUSING FIRST

Missione 5 – Componente 2 -Investimento 1.3 – Housing First e stazioni di posta per persone senza fissa dimora

CAPOFILA: CONSORZIO CISA TORTONA

Obiettivi e attività:

Attività a favore della realizzazione di housing temporaneo con obiettivo di creare un sistema di accoglienza per le persone e i nuclei in condizioni di elevata marginalità sociali per le quali si attiva un percorso di autonomia attraverso un progetto personalizzato volto a superare l’emergenza.

  • Realizzazione di alloggi di accoglienza finalizzati al reinserimento e all’autonomia
  • Sviluppo di un sistema di presa in carico anche attraverso equipe multidisciplinari

Nell’ambito del progetto sono previsti: con affidamento/appalti/forniture: Ristrutturazione / riqualificazione immobili esistenti, Acquisto arredi. Personale: Operatori socio Sanitari / Educatori professionali

Linea PNRR Voci costo Totale
1.3.1 Appalti di servizio e forniture

Personale

€ 34.865,00
1.3.1 Acquisto beni e attrezzature € 20.000,00
1.3.1 Riqualificazione immobili € 72.547,46
1.3.1 Convenzioni ETS € 4.000,00

 ________________________________________________________________________________

PNRR 1.3.2

Missione 5 – Componente 2 -Investimento 1.3 – Housing First e stazioni di posta per persone senza fissa dimora

 

Il progetto parte dal presupposto che sul territorio non vi siano presenti dormitori o altre realtà di accoglienza in emergenza, pur essendo presenti servizi che offrono soluzioni all’emergenza abitativa nell’immediato.

Evidenziando la fattiva presenza sul territorio di persone con residenza fittizia.

Il progetto si rivolge a persone in condizione di deprivazione materiale, di marginalità anche estrema e senza dimora che possono ricevere assistenza e orientamento nonché ricevere la propria posta personale.

Obiettivi e attività:

L’obiettivo del progetto è quello di offrire a coloro che vivono in una situazione di grave precarietà un servizio di accoglienza e accompagnamento, per iniziare ad intraprendere un progetto di vita e per poter esercitare i propri diritti.

Si intende creare un punto di riferimento temporaneo per persone in condizione di povertà o senza fissa dimora.

  • Apertura della stazione di posta-centro servizi per il contrasto alla povertà (A1)
  • Coinvolgimento delle organizzazioni di volontariato a rafforzamento dei servizi offerti (A2)
  • Collegamento con ASL e i servizi per l’impiego. (A3)

 

Risultati attesi:

  • Presa in carico di almeno 82 utenti

IPOTESI:

  • Servizio mensa per circa 30 persone
  • Servizi per l’igiene personale e deposito bagagli per circa 15 persone
  • Distribuzione di beni essenziali per circa 40 persone
  • Orientamento al lavoro per circa 15 persone
  • Accoglienza notturna per circa 10 persone
  • Servizio di mediazione linguistico culturale per circa 20 persone

 Linea PNRR

Voci costo Totale
1.3.2 Appalti di servizio e forniture

Personale

€ 135.000,00
1.3.2 Acquisto beni e attrezzature € 73.000,00
1.3.2 Ristrutturazione immobili € 800.000,00
1.3.2 Incarichi professionali ai tecnici € 32.000,00
1.3.2 Convenzioni ETS € 30.000,00
1.3.2 Dotazioni tecnologiche e canoni € 20.000,00

Importo richiesto € 1.090.000,00

______________________________________________________________________________________

PNRR 1.1.4          PREVENZIONE BURN OUT OPERATORI

CAPOFILA: OVADA

Missione 5- Componente 2- Investimento 1 – Sostegno alle persone vulnerabili e prevenzione dell’istituzionalizzazione – Sub investimento 1.1.4 Rafforzamento dei servizi sociali e prevenzione del fenomeno del burn out tra gli operatori sociali

I percorsi di supervisione ideati e proposti per il finanziamento progettuale saranno attivati presso ogni ATS associato alla proposta coinvolgendo così l’intero territorio della Provincia di Alessandria.

Ogni ATS svilupperà le differenti tipologie di supervisione secondo le tempistiche e le metodologie condivise con l’equipe progettante e secondo il cronoprogramma definito, fatto salvo la possibilità di modificare i percorsi di supervisione in termini di monte ore, pur rispettando le linee guida ministeriali, n. personale coinvolto.

Per quanto concerne questa ATS sono previste:

  • Supervisione professionale di gruppo: gestita dall’Ente proponente ed aperta alle assistenti sociali dei diversi A.T.S per n. 3 gruppi di manutenzione emotiva. Ciascun percorso ha una ciclicità mensile con un calendario di incontri da 3 ore per un massimo di 20 iscritti/e. Il percorso ha uno sviluppo annuale e sarà svolto in presenza ed in una sede esterna agli ATS

 

  • Supervisione organizzativa di équipe multiprofessionale: almeno n. 1 gruppo per ogni A.T.S composto da assistenti sociali, psicologi, educatori, S.S, personale amministrativo, con un impegno annuo pari a 6 ore minimo e con incontri di almeno 2 ore cadauno. I gruppi si terranno in presenza e presso la sede dell’ATS di riferimento. La modalità a distanza sarà adottata solo in caso di nuove limitazioni imposte a livello nazionale e/o locale. Ogni supervisione sarà condotta da personale esperto esterno con formazione in campo sociale, giuridico e psicologico.
Linea PNRR Voci costo Totale
1.1.4 Formazione LEP mono-professionale e multiprofessionale € 20.100,00

 

__________________________________________________________________________________

PNRR 1.7.2.                   FACILITAZIONE DIGITALE

Missione 1 Componente 1 – Misura 1.7.2 Rete dei servizi di facilitazione digitale

 

Il Progetto “Rete di servizi di facilitazione digitale” si propone di sostenere efficacemente l’inclusione digitale, realizzando una nuova opportunità che mira a sviluppare le competenze digitali di base necessarie a garantire un buon livello di autonomia dei cittadini nell’utilizzo dei servizi internet e delle principali piattaforme digitali delle PPAA.

 

Obiettivi e attività:

Far accrescere le competenze digitali dei cittadini attraverso l’uso autonomo, consapevole e responsabile delle nuove tecnologie, verranno attivati sul territorio n. 2 punti di facilitazione digitale, uno collocato ad ACQUI TERME e uno itinerante in modo da rispondere al bisogno dei cittadini residenti negli altri 28 comuni dell’Ente Gestore delle funzioni socio-assistenziali ASCA per un totale di 29 comuni serviti. Entrambi i punti di facilitazione digitale si avvarranno di operatori con il ruolo di facilitatori digitali, debitamente formati per essere una figura funzionale ed individuare le esigenze dei singoli cittadini nell’utilizzo dei servizi digitali, prevedendo formazione one to one personalizzata, formazione in presenza ed online, stimolando anche attività di auto apprendimento e asincrona.

  • Realizzazione 2 punti di facilitazione di cui uno itinerante
  • Formazione di 2 facilitatori digitali

 

Linea PNRR Voci costo Totale
1.7.2 Appalti di servizio e forniture

Personale

€ 67.200,00
1.7.2 Acquisto beni e attrezzature € 5.000,00
1.7.2 Costi indiretti e spese di missione € 12.035,00
1.7.2 Incarichi professionali ai tecnici € 32.000,00

 

PIAO

Il PIAO è un documento unico di programmazione e governance introdotto con il Decreto Legge 9 giugno 2021, n. 80 (convertito, con modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2021, n.113) allo scopo di assicurare la qualità e la trasparenza dell’attività amministrativa, migliorare la qualità dei servizi ai cittadini e alle imprese e procedere alla costante e progressiva evoluzione anche in materia di diritto di accesso.

PIAO 2024/2026

PIAO 2023_2025

all 1 Piao 2023 2025 performance

all 2 Piao 2023 2025 azioni positive

PIAO 2022_2024 semplificato

Piano Performance UM 2022

 

 

Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza

Riferimento normativo Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. 33/2013
Contenuti: Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza e suoi allegati, le misure integrative di prevenzione della corruzione individuate ai sensi dell’articolo 1,comma 2-bis della legge n. 190 del 2012, (MOG 231)

 

GU-2022-00029

Piano triennale corruzione e trasparenza 2022 2024

GU-2021-00008

Piano triennale corruzione e trasparenza 2021 2023

GU-2020-00001

Piano triennale corruzione e trasparenza 2020 2022

GU-2019-00002

Piano triennale corruzione e trasparenza 2019 2021

GU-2018-00001

Piano triennale corruzione e trasparenza 2018 2020

GU-2017-00001

Piano triennale corruzione e trasparenza 2017 2019

 

 

 

Corte dei Conti

Riferimento normativo: Art. 31, d.lgs. n. 33/2013
Contenuti: Tutti i rilievi della Corte dei conti ancorchè non recepiti riguardanti l’organizzazione e l’attività delle amministrazioni stesse e dei loro uffici


 

questo Ente non ha ricevuto rilievi dalla Corte dei conti

Skip to content