L’INPS ha pubblicato il Bando ‘Long Term Care – Ricovero in strutture residenziali

Si informa che l’INPS ha pubblicato il Bando di concorso denominato ‘Long Term Care – Ricovero in strutture residenziali’ (LTC) per il “riconoscimento di contributi a copertura totale o parziale del costo sostenuto da soggetti con patologie che richiedono cure di lungo periodo e il ricovero nelle Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) o in strutture specializzate”.

CHI PUO’ ACCEDERE AL CONTRIBUTO

Possono accedere al bando:

  • i dipendenti e pensionati iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e/o i loro coniugi e figli conviventi, non conviventi o orfani, non autosufficienti;
  • i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, il coniuge e i familiari di primo grado conviventi , non conviventi o orfani del titolare della prestazione;
  • i dipendenti e pensionati della Gestione Fondo IPOST, il coniuge e i familiari di primo grado conviventi , non conviventi o orfani del titolare della prestazione.

Sarà possibile presentare domanda a decorrere dalle ore 12 del 4 aprile 2019 alle ore 12 del 30 aprile 2019.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda può essere presentata:

  • online, se si è in possesso del codice PIN rilasciato dall’Istituto, utilizzando il servizio “Domande Welfare in un click”;
  • tramite Contact center, al numero gratuito 803 164 (da rete fissa) o al numero a pagamento 06 164 164 (da telefono cellulare), sempre utilizzando il codice PIN;
  • tramite Patronato, inserendo il protocollo della DSU e gli estremi del verbale che certifica lo stato di invalidità.

 

TUTTE LE INFORMAZIONI, IL BANDO E LA RELATIVA MODULISTICA SONO REPERIBILI SULLA PAGINA DELL’INPS dedicata  pulsante “Accedi al servizio”

È stato pubblicato il bando per il Progetto Home Care Premium Assistenza domiciliare

È stato pubblicato il bando INPS Home Care Premium (HCP) rivolto ai dipendenti e ai pensionati del pubblico impiego.

Il bando è finalizzato alla realizzazione di  un progetto di assistenza domiciliare mediante l’erogazione di un contributo per l’assistente familiare e la predisposizione di interventi integrativi e precisamente:

  •  un contributo economico (prestazione prevalente) finalizzato al rimborso della spesa sostenuta per l’assistente domiciliare assunto con contratto di lavoro domestico;
  • servizi di assistenza alla persona (prestazioni integrative) erogati dagli ambiti territoriali o da enti convenzionati con l’Istituto, previa accettazione del piano socio-assistenziale.

La prestazione è rivolta a:

  • dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
  • pensionati – diretti e indiretti – utenti della Gestione Dipendenti Pubblici (GDP) e i loro coniugi, se non è intervenuta sentenza di separazione;
  • parenti e affini di primo grado anche non conviventi;
  • soggetti legati da unione civile e i conviventi;
  • fratelli o sorelle del titolare, se questi ne è tutore o curatore;
  • minori orfani di dipendenti già iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e di utenti pensionati della Gestione Dipendenti Pubblici.

Sono equiparati ai figli, i minori affidati al titolare in virtù di affidamento (familiare, giudiziale o preadottivo) disposto dal giudice.

I beneficiari devono essere individuati tra i soggetti maggiori o minori di età, disabili.

Come funziona

Il bando  è pubblicato sul sito dell’INPS, scaricabile QUI.

Se il beneficiario del diritto non coincide con il titolare, quest’ultimo (anche tramite patronato o mediante assistenza del Contact center) deve preventivamente iscrivere il beneficiario utilizzando il servizio “Accesso ai servizi di welfare”. In caso di delega alla presentazione della domanda, è necessario allegare la delega del beneficiario.

Per inviare la domanda è necessario aver presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica ( DSU) per la determinazione dell’ ISEE socio-sanitario riferito al nucleo familiare di appartenenza del beneficiario o dell’ ISEE minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi.

Il valore dell’ ISEE contribuisce a determinare il posizionamento in graduatoria e l’ammontare del contributo al beneficiario e all’ambito territoriale.

Il Progetto Home Care Premium 2019 decorre dal 1° luglio 2019 fino al 30 giugno 2022.

COME FARE DOMANDA

Il Bando prevede importanti novità rispetto a HCP 2017 attualmente in proroga, pertanto vi invitiamo a leggerlo con attenzione.
Tra queste la possibilità di presentare domanda tramite Patronato e la nuova modalità online “Domanda in un click”

Pertanto  la domanda può essere presentata attraverso i seguenti canali:

  • servizio online dedicato (“Domande welfare in un click”), tramite il PIN rilasciato dall’Istituto;
  • Contact center, chiamando al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 (da rete mobile), sempre utilizzando il PIN;
  • patronati, inserendo il protocollo della DSU e gli estremi del verbale che certifica lo stato di invalidità.

La procedura per l’acquisizione della domanda da parte dei richiedenti sarà attiva dalle ore 12.00 del 4 aprile 2019 alle ore 12.00 del 30 aprile 2019.
A decorrere dal 1° luglio 2019 alle ore 12.00 e fino al 31 gennaio 2022 alle ore 12.00, sarà possibile presentare nuove domande.

AVVISO: sono stati pubblicati i bandi di SERVIZIO CIVILE

20 agosto 2018

Sono stati pubblicati i bandi per la selezione di oltre 53.000 giovani da impiegare in progetti di Servizio Civile  sia in Italia che all’estero. Le domande possono essere presentate  fino al 28 SETTEMBRE 2018.

Potranno partecipare i giovani (italiani e non, purché europei o regolarmente soggiornanti in Italia), che abbiano compiuto il diciottesimo anno e non superato il ventinovesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda.

Nella sezione Bandi Regionali è possibile consultare il testo integrale del bando relativo alla Regione Piemonte (scarica qui Bando Regione Piemonte)  per la selezione di 1.168 volontari

L’Unione Montana Suol d’Aleramo è stata ammessa con due progetti:

Scacciapensieri 2018” che prevede l’impiego di n. 4 volontari presso la sede del progetto sita in via Cassino ad Acqui Terme.

“SMART CAFFE'”   che prevede l’impiego di n. 4 volontari presso la sede del progetto sita in via Alessandria ad Acqui Terme.

SCARICA LE SCHEDE DI SINTESI DEI PROGETTI

Allegato 2 –Scacciapensieri 2018

Allegato 2 –SMART CAFFE’

 

Le candidature, redatte sulla modulistica  devono pervenire all’Unione Montana Suol d’Aleramo:

  • entro e non oltre le ore 23:59 del 28 SETTEMBRE 2018 se inoltrate per via telematica

oppure

  • entro le ore 14:00 del 28 SETTEMBRE 2018 se consegnate a mano

Le domande pervenute oltre il termine stabilito non saranno prese in considerazione.

Continua a leggere AVVISO: sono stati pubblicati i bandi di SERVIZIO CIVILE

Inaugurato il primo Alzhiemer Cafè del territorio

il  giorno martedì 24 aprile alle ore 14:30 è stato inaugurato il  primo Alzheimer  Cafè del territorio acquese.

All’incontro, che  si  è tenuto presso locali  della Mensa della Fraternità in via Cassino 27 – Acqui Terme (ex-Ricre),  sono intervenute le autorità laiche e religiose del territorio:  il vescovo Mons Luigi Testore e il Presidente Caritas Don Luigi Falchero,  il sindaco Lorenzo Lucchini e l’assessore alle politiche sociali Alessandra Terzolo,  i responsabili dell’ASCA oltre alle rappresentanze di tutti i partner.

L’attività nasce all’interno di un progetto più ampio rivolto agli anziani: Progetto S.M.A.R.T. (Scherzi della Memoria Anziani e Riabilitazione Territoriale), promosso dall’ASCA in collaborazione con una molteplicità di partner ed è sostenuto dalla Compagnia di San Paolo.

Le attività dell’Alzheimer  Cafè sono rese  possibili grazie all’impegno di numerosi volontari e alla disponibilità della Caritas che ha messo a disposizione i locali della Mensa della Fraternità

 

RASSEGNA STAMPA

LA STAMPA

L’ANCORA

 

 

 

 

 

ASCA si aggiudica il bando della Compagnia di San Paolo “IntreCCCi”

12/11/2016  l’ASCA vince il bando della Compagnia di San Paolo “IntreCCCi: Casa – Cura -Comuntà” con il progetto “SMART – Scherzi della Memoria: Anziani e Riabilitazione Territoriale”.

il progetto smart

SMART intende integrare e implementare la sperimentazione attuata con il progetto “Una felicità possibile?” proponendo  un programma  più ampio di azioni a supporto degli anziani non autosufficienti. Le azioni proposte, dopo un’accurata mappatura delle risorse territoriali,  prevedono l’attivazione di laboratori rivolti agli anziani, di  interventi a sostegno dei famigliari e dei care-giver e di servizi formativi e informativi.

 

locandina

Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Che cos’è

E’ uno strumento finalizzato a favorire il superamento di situazioni di bisogno attraverso interventi assistenziali socio-sanitari nell’ambito di un progetto integrato

Cosa fornisce

  • prestazioni assistenziali con Operatori Socio-Sanitari
  • prestazioni sanitarie con personale ….

A chi è rivolto

A singoli o nuclei in situazione di temporaneo bisogno di assistenza (anziani, invalidi, disabili)

Requisiti per l’accesso

  • Residenza nei Comuni dell’Ente Gestore
  • Esistenza di una situazione di bisogno accertata dall’ASL

Durata

Correlata al progetto individualizzato predisposto dagli operatori dei  Servizi Socio-Assistenziale e Sanitario

Come si richiede

Costo del servizio

Non previsto

Tempi

Contatti

Sede operativa: via Alessandria n. 1 – Acqui Terme

tel/fax0144 – 57816

Email: asca@unionemontanasuoldaleramo.it

Chi decide l’erogazione del servizio

Per saperne di più

Sportello di Segretariato Sociale